Segregata in casa con i due figli, arrestato il compagno

I vicini chiamano i carabinieri
I vicini chiamano i carabinieri
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - AVELLINO, 12 DIC - E' stata salvata dai vicini di casa che hanno chiamato i carabinieri. Una donna di 30 anni, di nazionalità marocchina, costretta a vivere segregata in casa, insieme ai suoi due bambini di uno e due anni, vittima di continui maltrattamenti da parte del compagno, un 30enne anch'egli marocchino, con precedenti penali, è stata liberata dai carabinieri nella sua abitazione di Rotondi, in provincia di Avellino. I militari, dopo aver ricevuto la segnalazione, hanno monitorato l'abitazione e quando dall'interno hanno sentito urla e pianti, hanno fatto irruzione. L'uomo si è scagliato contro i carabinieri intervenuti dalle Stazioni di Rotondi e Cervinara. Uno dei militari ha rimediato ferite guaribili in sette giorni. La donna, in un profondo stato di prostrazione e con ferite in diverse parti del corpo, guaribili in 25 giorni, è stata affidata ai medici del 118. Il marito dopo essere stato condotto in caserma, è stato arrestato per maltrattamenti e lesioni. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Bangladesh: incendio in un centro commerciale a Dacca, 44 vittime

Parigi, al via il processo per l'attentato al mercatino di Natale di Strasburgo del 2018

Germania, soldato spara e uccide 4 persone: tra le vittime un bambino