Tentò di uccidere la moglie, sospesa potestà genitoriale

I figli sono ritornati con la vittima
I figli sono ritornati con la vittima
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - CAPESTRANO, 02 DIC - Il Tribunale per i minorenni dell'Aquila ha sospeso la potestà genitoriale per il 36 enne macedone che nelle scorse settimane aveva sferrato dieci coltellate alla moglie, nella comune abitazione di Capestrano, rischiando di ucciderla. Il provvedimento è stato emesso dal giudice competente che ha detto no pure al collocamento temporaneo dei figli minori della coppia dallo zio paterno. I figli si sono ricongiunti alla vittima che, da qualche giorno, è stata dimessa dall'ospedale San Salvatore dell'Aquila in condizioni pressoccè buone, nonostante le plurime ferite riportate dall'aggressione. Il 36 enne si trova in carcere, a Teramo, dopo il cambio di penitenziario chiesto e ottenuto dal suo legale per timore di ritorsione in cella. L'uomo, che aveva tentato di togliersi la vita dopo aver sferrato le coltellate alla moglie, è accusato di tentato omicidio con le aggravanti dei futili motivi, dell'uso del coltello e del rapporto di coniugio. Sulla vicenda proseguono le indagini della compagnia Carabinieri di Sulmona, territorialmente competente. La Procura nelle scorse settimane aveva disposto accertamenti balistici per verificare la compatibilità delle ferite con l'arma utilizzata. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Caccia, procedura d'infrazione contro l'Italia: le posizioni di cacciatori e animalisti

Gaza: Netanyahu presenta piano post-guerra, colloqui per una possibile tregua a Parigi

Morte di Navalny: sanzioni Usa contro 500 obiettivi in Russia, Biden incontra moglie e figlia