EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Picchiato in carcere, nuovo intervento al volto per Scagni

Per stabilizzare fratture. L'uomo è ancora in coma farmacologico
Per stabilizzare fratture. L'uomo è ancora in coma farmacologico
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - SANREMO, 01 DIC - Sarà sottoposto la prossima settimana a un nuovo intervento chirurgico per stabilizzare le fratture del volto Alberto Scagni, 42 anni, il genovese condannato a 24 anni e 6 mesi di reclusione per l'omicidio della sorella Alice avvenuto il primo maggio del 2022, picchiato la sera del 22 novembre scorso in carcere a Sanremo da due detenuti maghrebini ora accusati anche di tentato omicidio e sequestro di persona. Le condizioni di Scagni sono stabili: resta intubato e in coma farmacologico, con prognosi riservata. Non sarà trasferito e l'operazione verrà eseguita all'ospedale Borea di Sanremo dal dottor Giuseppe Pizzonia, specialista in chirurgia plastica e ricostruttiva, direttore di struttura complessa nel reparto di chirurgia plastica e maxillofacciale nell'ospedale Santa Corona di Pietra Ligure. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Come l'intelligenza artificiale viene utilizzata per istruzione, arte e veicoli autonomi in Qatar

Le notizie del giorno | 24 luglio - Pomeridiane

Gaza, incontro a tre sul post-guerra: mancano i diretti interessati