Roma crede in Expo 2030, 'occasione per cambiare la città'

Martedì il verdetto a Parigi, è Riad la rivale più agguerrita
Martedì il verdetto a Parigi, è Riad la rivale più agguerrita
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ROMA, 26 NOV - Il triangolo magico della rigenerazione di Roma ha due vertici sicuri, il Pnrr e il Giubileo del 2025. E poi c'è il terzo - Expo 2030 - che però non dipende né da Bruxelles né dal Vaticano ma da un voto internazionale, ormai imminente. Per martedì, a Parigi, l'obiettivo di Roma è tanto alto quanto semplice: bisogna centrare anche il terzo obiettivo, ottenere l'Esposizione internazionale e chiudere il triangolo. Un obiettivo che la Capitale vuole centrare con il piano messo a punto dal Comitato Roma Expo 2030, guidato dal presidente, l'ambasciatore Giampiero Massolo, e dal dg, Giuseppe Scognamiglio, e con il lavoro di squadra di tutte le istituzioni. "Noi abbiamo fatto il massimo - ha detto il sindaco di Roma Roberto Gualtieri - io, il presidente della Regione, la presidente del Consiglio, il presidente della Repubblica: il sistema Paese. Tutti si sono impegnati: ora bisogna vedere se questo lavoro porterà voti". Le rivali sono agguerrite nella caccia ai 182 voti dei Paesi che martedì dovranno scegliere la città regina. Contro Roma ci sono la sudcoreana Busan ma soprattutto la saudita Riad, che con la sua potenza economica è riuscita ad arrivare persino sulle maglie della As Roma. Sulla monarchia saudita però pesa una reputazione internazionale compromessa rispetto ai diritti umani, quelli delle donne, della comunità lgbt+, il numero delle esecuzioni capitali, tanto da spingere solo pochi mesi fa 15 organizzazioni per i diritti umani a scrivere agli Stati membri del Bie chiedendo di non votare per la capitale mediorientale. Riad però, a quanto pare, punterebbe al colpaccio: aggiudicarsi già al primo turno la maggioranza dei due terzi e portarsi a casa l'Expo. Uno scenario che a Roma nessuno vuole vedere avverarsi: bisogna arrivare al ballottaggio, e a quel punto la partita sarebbe apertissima. Lo spoglio lo seguiranno con attenzione tutte le istituzioni: "Abbiamo fatto squadra lavorando con grande determinazione, generosità e passione, per far sì che il sogno di Roma e del Lazio diventi realtà", ha sottolineato il presidente della Regione Lazio Francesco Rocca. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Agricoltori: tensione a Parigi, Macron costretto a un incontro con pochi manifestanti

Gaza: l'Unrwa cessa le attività nel nord della Striscia, rifiutato il piano di Netanyahu

Ucraina: Meloni e von der Leyen a Kiev per il G7, il primo sotto la presidenza dell'Italia