EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Da 10 giorni facoltà Genova occupata a sostegno della Palestina

Lo storico israeliano Ilan Pappé, 'Liberiamoci del sionismo'
Lo storico israeliano Ilan Pappé, 'Liberiamoci del sionismo'
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - GENOVA, 26 NOV - È arrivata al decimo giorno consecutivo l'occupazione della facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università di Genova in via Balbi 4 portata avanti da un gruppo di studenti in solidarietà con il popolo palestinese. 'Stop bombing Gaza', 'Intifada fino alla vittoria', 'In solidarietà alla resistenza palestinese': sono alcune delle scritte sugli striscioni, sui volantini e con lo spray sui muri all'ingresso della facoltà. Lo storico israeliano Ilan Pappé ha partecipato a un incontro con gli studenti nella biblioteca universitaria di Genova. "La solidarietà dev'essere transnazionale per essere potente - sostiene Pappé -. È urgente che si crei una coalizione palestinese globale che possa fare in modo di contrapporsi al sionismo". "Non penso che la situazione in Palestina abbia a che vedere con un conflitto tra ebraismo e islam, non si tratta di un conflitto religioso, il sionismo è diventato un movimento secolare molto tempo fa e il movimento per la liberazione della Liberazione ha avuto leader sia islamici che cristiani. - commenta lo storico israeliano - Io credo che sia un conflitto radicato in due principi: la terra e le persone, la geografia e la demografia, la differenza tra chi controlla la terra e chi la abita. È vero la religione rafforza l'ideologia, ma non è il motivo dell'oppressione palestinese. Non credo che se avessimo più persone laiche da entrambe le parti avremmo una maggiore probabilità di risolvere il problema. Penso che l'unico modo per risolverlo sia affrontarlo alla radice, quello che gli accordi di Oslo non hanno fatto, Arafat lo capì forse troppo tardi. Il solo modo per arrivare alla pace è liberarci del sionismo". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Mosca, Putin riceve Assad: presidenti russo e siriano discutono della situazione in Medio Oriente

Lettonia, arrestati quattro trafficanti di migranti

Rapporto Ue sullo stato di diritto, Fnsi: “Confermato il nostro allarme”