'Bomba-day' a Ferrara: bene disinnesco, riapre la zona rossa

Operazioni veloci, in fiera per gli evacuati pranzo e tombolata
Operazioni veloci, in fiera per gli evacuati pranzo e tombolata
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - FERRARA, 26 NOV - Sono andate molto più velocemente del previsto le operazioni per disinnescare la bomba della Seconda guerra mondiale ritrovata nell'ex convento di San Benedetto, in corso Porta Po in centro a Ferrara. Alle 11 la spoletta è stata tagliata e separata con successo dal corpo bomba e poco prima di mezzogiorno è stata fatta brillare all'interno di una camera di contenimento appositamente predisposta. Completata l'operazione, il residuo dell'ordigno è stato trasportato all'interno di una cassetta di sicurezza e su un mezzo dell'Esercito in una cava in località Casaglia, in via Melvin Jones, per essere fatto brillare in sicurezza. Una volta disinnescato e portato via l'ordigno, la zona rossa (un cerchio con raggio di 685 metri dal punto di ritrovamento della bomba) è stata riaperta verso le 12,30, con circa tre ore di anticipo rispetto alle previsioni iniziali. Nel frattempo, per i pochi che si erano recati in Fiera, dove era allestito il punto di accoglienza, i volontari della protezione civile avevano preparato il pranzo, e prima ancora si era tenuta la messa per i fedeli e una tombolata. In tutto gli evacuati erano circa 12mila. Negli spazi allestiti per l'accoglienza in Fiera circa un centinaio di persone. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Chiusi nuovi valichi tra Lituania e Bielorussia

Finlandia, Alexander Stubb è il 13° presidente: "Nuova era per il Paese"

Addio a Iris Apfel: icona della moda che ha lasciato il segno anche alla Casa Bianca