EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Crosetto, tregua frutto anche dell'impegno italiano

'Pressione forte su Israele, stato democratico rispetta diritto'
'Pressione forte su Israele, stato democratico rispetta diritto'
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ROMA, 22 NOV - La tregua umanitaria tra Israele e Hamas è "frutto anche dell'impegno italiano". Lo sostiene il ministro della Difesa, Guido Crosetto, ricordando che "la pressione internazionale di molti Paesi, tra cui l'Italia, su Israele è stata discreta ma forte e continua: uno stato democratico non può che rispettare le regole del diritto internazionale e del diritto umanitario, anche quando scende in guerra e lo fa legittimamente. Questo distingue Israele da una organizzazione terroristica e su questa strada bisogna insistere per porre fine, al più presto, al conflitto, evitando di incendiare tutto il Medio Oriente, pur comprendendo la legittima reazione militare di Israele dal 7 ottobre in poi". Voglio esprimere la mia più grande soddisfazione e attiva speranza - afferma Crosetto - per l'esito positivo dei negoziati che hanno portato ad una tregua umanitaria e che, a breve, porteranno al rilascio di 50 ostaggi israeliani, donne e bambini con meno di 19 anni, da parte di Hamas, come pure al contemporaneo rilascio di circa 150 prigionieri palestinesi da parte di Israele, anche loro donne e bambini con meno di 19 anni di età. Il temporaneo cessate il fuoco di 4 giorni che è stato stabilito e ratificato, pur se tra uno stato legittimo e democratico, Israele, e un'organizzazione terroristica come Hamas, consentirà l'afflusso di aiuti umanitari compresi generi alimentari, medicine e carburante". "Anche l'Italia - ricorda il ministro - ha fatto e farà la sua parte: abbiamo già mandato una nave della Marina Militare, Nave Vulcano, dotata di ogni tipo di attrezzatura medica utile, di personale e materiale sanitario, e siamo pronti a inviare un ospedale da campo e altro personale e materiali a Gaza appena sarà possibile. La forza del dialogo è insostituibile per garantire la pace, ecco perché siamo i primi e in prima linea, negli aiuti umanitari, tra tutti i Paesi occidentali. Del resto, la popolazione civile, martoriata e offesa, che abita nella Striscia di Gaza, non può attendere oltre". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Austria, i migranti dovranno lavorare per 10 ore a settimana per mantenere diritti e sussidi

L'Albania brucia con l'estate e i pompieri non hanno mezzi: l'Ue interviene contro gli incendi

Regno Unito, Starmer vuole ricostruire le relazioni con l'Unione europea