EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Il lavoro dello spettacolo si mobilita, "il governo ci tradisce"

Il 27 assemblee. L'indennità di discontinuità è "un'indegnità"
Il 27 assemblee. L'indennità di discontinuità è "un'indegnità"
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ROMA, 21 NOV - Le lavoratrici e i lavoratori del settore spettacolo, le associazioni di categoria, i coordinamenti autorganizzati e i sindacati respingono unitariamente l'impostazione data dal governo al decreto legislativo volto al riordino e alla revisione degli ammortizzatori e delle indennità in materia di spettacolo e annunciano per lunedì 27 novembre la mobilitazione in tutta Italia. Dalle 11 alle 14 i lavoratori e le lavoratrici si riuniranno in assemblea "nei luoghi simbolo dello spettacolo per costruire insieme la necessaria risposta a questo grave attacco al mondo della cultura e del lavoro" con un provvedimento che ribattezzano dell' "indegnità" e che giudicano "l'ennesimo, inutile e offensivo bonus annuale". "Il provvedimento, votato in via definitiva il 15 novembre nelle commissioni congiunte Lavoro e Cultura, tradisce - affermano gli addetti allo spettacolo un una comunicazione congiunta - lo spirito della legge delega votata nel 2022 che prevedeva di istituire un'indennità di discontinuità strutturale e permanente, e peggiora la drammatica e complessa gestione dei rapporti lavorativi non favorendo l'emersione del lavoro nero, distraendo fondi già stanziati e limitando l'accesso al welfare tramite l'introduzione di un ennesimo, inutile e offensivo bonus annuale, per di più non cumulabile con altri istituti universali quali maternità, infortunio e malattia". "Abbiamo ripetuto sia pubblicamente che nelle Commissioni Parlamentari il netto rifiuto alla norma governativa ma - aggiungono - l'attuale maggioranza non ha ascoltato le parole di lavoratori e lavoratrici: pertanto, a Milano, Roma, Napoli e altre città, avrà luogo una mobilitazione congiunta per ribadire che la riforma dello spettacolo deve rispondere alle reali esigenze del settore riconoscendone le peculiarità attraverso l'introduzione di forme di welfare in linea con gli altri paesi europei". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Cipro, cinquant' anni dopo l'invasione turca del 1974 che portò alla spartizione del Paese

Le notizie del giorno | 17 luglio - Serale

Parigi 2024, la sindaca Hidalgo nuota nella Senna alla vigilia delle Olimpiadi