EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Fadlun (Comunità ebraica), 'visita Piantedosi segno vicinanza'

'Nostra scuola inserita nel progetto della questura di Roma'
'Nostra scuola inserita nel progetto della questura di Roma'
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ROMA, 21 NOV - "La visita del ministro dell'Interno per la nostra comunità è importante ed è un segno di vicinanza, è un abbraccio che ha un grande valore sia sostanziale sia simbolico. Oggi ci hanno comunicato che la nostra scuola verrà inserita nel circuito Scuole sicure curato dalla questura di Roma. Avremo interventi sul cyberbullismo e tutte le problematiche che riguardano i giovani". Lo ha detto il presidente della Comunità ebraica di Roma, Victor Fadlun, al termine della visita del ministro dell'Interno Matteo Piantedosi alle scuole del quartiere ebraico. "I ragazzi - ha aggiunto Fadlun - sono stati felici di incontrarlo e quando ha chiesto agli studenti chi volesse fare da grande il poliziotto c'è stata un'ovazione. Bene così, abbiamo un buon vivaio". "Non ci sentiamo tranquilli - ha poi osservato il presidente della Comunità - rispetto alle espressioni dure nelle università e nelle scuole. È una corrente carsica di antisemitismo che credevamo fosse un ricordo del passato. Invece è spazzatura che fuoriesce in luoghi nevralgici dell'istruzione e della cultura. Siamo convinti però che il nostro Stato, l'Italia, abbia gli anticorpi per combattere questa malattia che se prendesse il sopravvento ci porterebbe a esiti molto pesanti". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Striscia di Gaza: raid israeliano su Khan Younis dopo ordine di evacuazione, decine di morti

Le notizie del giorno | 22 luglio - Pomeridiane

Corea del Sud, i lavoratori della Samsung Electronics in sciopero