Uccise la madre dopo un rimprovero, il pm chiede l'ergastolo

Processo a Torino per un giovane pakistano di 23 anni
Processo a Torino per un giovane pakistano di 23 anni
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - TORINO, 20 NOV - La pena dell'ergastolo è stata chiesta oggi alla Corte d'assise di Torino per un pakistano di 23 anni processato con l'accusa di avere ucciso la madre a martellate dopo un banale rimprovero. L'omicidio è stato commesso lo scorso 9 marzo nella casa di famiglia a Pinerolo (Torino). Secondo quanto ricostruito, la donna, Rubina, 45 anni, aveva detto al figlio di smetterla di "stare al telefonino tutto il giorno" e di "cercare un lavoro". La domenica precedente l'imputato aveva litigato con il padre per lo stesso motivo. Il giovane, detenuto, confessò immediatamente; oggi ha fatto avere alla Corte una breve lettera in cui ha scritto "chiedo scusa a tutti, io amo mia madre". È stata respinta la richiesta della difesa di disporre una perizia psichiatrica. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Inflazione nell'eurozona in calo al 2,6% a febbraio

Bangladesh: incendio in un centro commerciale a Dacca, 44 vittime

Parigi, al via il processo per l'attentato al mercatino di Natale di Strasburgo del 2018