Minore confessa omicidio Genova ma poi non risponde a pm

Si è presentato ai carabinieri poi è stato portato in questura
Si è presentato ai carabinieri poi è stato portato in questura
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - GENOVA, 16 NOV - Il ragazzo di 17 anni sospettato dell'omicidio di un cittadino marocchino avvenuto ieri pomeriggio a Genova si è costituito confessando il delitto ai carabinieri di Chiavari (Genova) ma una volta portato in questura a Genova si è avvalso della facoltà di non rispondere davanti al procuratore capo del tribunale per i minorenni. Il giovane, italiano, è stato sottoposto a fermo per l'omicidio di Ahmed Chawqui, marocchino di 55 anni, ucciso con almeno quattro coltellate nella sua casa in via dei Pescatori alla Foce. Il presunto assassino, che risiede in un comune del Golfo del Tigullio, si è presentato questa mattina in caserma a Chiavari con la sorella e avrebbe fatto alcune ammissioni. "Sì l'ho ucciso io. Ero andato a casa sua perché mi molestava via chat e volevo che cancellasse il mio numero" ha detto. I carabinieri hanno verbalizzato e poi hanno portato il ragazzo in Questura a Genova, dove però, è stato spiegato, non ha più voluto parlare per confermare le prime parole messe a verbale stamani. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Russia: il candidato anti guerra Nadezhdin bocciato anche dalla Corte Suprema

Le notizie del giorno | 22 febbraio - Pomeridiane

Migranti, l'Albania approva l'accordo sui Cpr dell'Italia