Gualtieri, 'dopo due anni Roma è in piena trasformazione'

Secondo Rapporto alla città, dai rifiuti alle infrastrutture
Secondo Rapporto alla città, dai rifiuti alle infrastrutture
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ROMA, 16 NOV - Cultura, inclusione, innovazione, sostenibilità i quattro pilastri, "trasformare" la parola chiave "perché ora siamo nel vivo della fase realizzativa: un disegno di trasformazione imponente con un orizzonte decennale per cambiare Roma in modo tangibile". Cosi il sindaco di Roma Roberto Gualtieri presentando il secondo Rapporto alla Città. Un intervento lungo più di un'ora in cui Gualtieri ha ripercorso quanto realizzato nell'ultimo anno e ha lanciato alcune sfide per il futuro. A partire dai rifiuti, con la pubblicazione della gara per il termovalorizzatore. Ma anche una "città di cantieri, perché senza non c'è futuro": quelli del Pnrr e quelli del Giubileo, lo Stadio della Roma e le infrastrutture: la stazione metro Venezia pronta in 8 anni e i prolungamenti della A e della B, nonché l'apertura dei cantieri della D, entro il 2030. E poi i tram, i nuovi bus, l'impegno contro gli incidenti stradali con l'obiettivo di trasformare in zona 30 il 70 per cento delle strade entro fine consiliatura. Strade che "saranno rifatte al 100 per cento nell'arco di 10 anni". E infine, non ultimi, gli investimenti sulla casa e i musei delle scienze e della Shoah. Tra le principali preoccupazioni del sindaco infine la povertà così come registrata dell'ultimo rapporto Caritas e il taglio alle risorse degli Enti locali: punto su cui ha chiesto al governo un passo indietro, e maggiori fondi per i trasporti. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Guerra in Ucraina: Zelensky vola a Ryad e Tirana per discutere della formula di pace

Gaza: Egitto, Giordania, Uae, Qatar e Francia lanciano per via aerea tonnellate di aiuti

Dalle Baleari a Bacoli, il messaggio in bottiglia percorre 2000 miglia