EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Rapporto Povertà Caritas, 'Roma è città delle disuguaglianze'

'Giovani penalizzati. Sta meglio chi è uomo, italiano, anziano'
'Giovani penalizzati. Sta meglio chi è uomo, italiano, anziano'
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ROMA, 13 NOV - "Si vanno delineando, con tratti sempre più marcati, molte esperienze di città all'interno di un unico grande territorio che si chiama Roma. La città reale e quella virtuale. La prima è quella che per certi aspetti, si pensi alla mancanza di case dignitose e alle migliaia di persone senza dimora e in precarie condizioni abitative, più si avvicina, purtroppo, a quella di 50 anni fa. La seconda è quella che in termine di benessere economico, in base agli indicatori dell'Istat, vede classificata Roma, solo dopo Milano e Bologna". E' quanto emerge dal Rapporto Povertà 2023 di Caritas Roma, dal titolo "Le città parallele", diffuso oggi. La Capitale è dunque "la città dei redditi così profondamente diseguali - spiega il documento di sintesi -, in cui si assiste a profonde differenze tra generazioni, generi, cittadinanza e area di residenza delle persone; dove i giovani restano i più penalizzati, nonostante i figli da crescere, insieme alle donne e agli stranieri, mentre sugli anziani, sugli uomini e sui cittadini italiani si concentrano gli stipendi e le pensioni più alte". Ci sono poi, "la città storica in cui vivono gli anziani e quella delle periferie per i giovani. La prima, il centro, che sprigiona tanta potenza attrattiva con uno straordinario e costante afflusso turistico da tutto il mondo. Una preziosa risorsa per la crescita economica della città che, però, non sembra un'opportunità per le famiglie: sempre più si sta trasformando in una città vetrina a beneficio dei turisti e dell'indotto da loro generato. La seconda, quella delle periferie, in cui maggiormente vivono i giovani, che continua a crescere ma con problemi sempre maggiori, potendo disporre di minori beni e servizi; situazioni che ci interrogano quanto a capacità di rispondere alle attese di senso, di appartenenza e di giustizia che provengono da persone alla ricerca di un pieno riconoscimento del loro essere risorsa". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Nato: governo italiano contro nomina di uno spagnolo a rappresentante speciale per il Mediterraneo

Le notizie del giorno | 25 luglio - Serale

Putin ospita il siriano Assad al Cremlino, mentre sale la tensione in Medio Oriente