Bucci, progetti di sviluppo comuni tra Genova e City di Londra

"Siamo la città più british d'Italia", dice il sindaco
"Siamo la città più british d'Italia", dice il sindaco
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - GENOVA, 10 NOV - "Con la City di Londra lavoreremo su tanti settori comuni, dalle opere d'arte alla cultura british, visto che Genova grazie al suo porto ha avuto una serie di relazioni che la hanno portata a essere considerata la città più british d'Italia". Lo ha dichiarato il sindaco di Genova Marco Bucci, che oggi a Londra al Business Club Italia ha incontrato 40 imprenditori per illustrare le opportunità di investimento nel capoluogo ligure. "Nell'ambito della missione a Londra su invito del Lord Mayor della City Michael Mainelli - spiega una nota del comune - Bucci ha presentato a una platea di imprenditori soci del club di Armourers' Hall in Coleman street i progetti in corso di realizzazione e di futuro sviluppo per la città di Genova". Bucci, prosegue la nota, ha parlato "di portualità, logistica, infrastrutture, con un focus su Terzo Valico, tunnel subportuale, 4 assi, la nuova Diga, turismo, alta tecnologia e cavi sottomarini per big data, rigenerazione urbana, dal Waterfront di Levante al centro storico, oltre alla rassegna degli eventi di punta per la città, da Euroflora ai Rolli days, dal Premio Paganini a Genova Capitale europea dello Sport". "Due punti fondamentali per il memorandum firmato con la City of London - ha affermato Bucci - sono la cultura, a partire da Paganini che il prossimo anno porteremo proprio a Londra, e la blue Economy di cui Genova e Londra rappresentano sicuramente due capitali storiche. È stato molto importante il confronto con tanti italiani che abitano e lavorano a Londra. L'obiettivo è dare visibilità a Genova, fare conoscere al mondo che è una città internazionale, la città più importante del Mediterraneo, la porta d'ingresso del Sud d'Europa dal punto di vista dello shipping, della logistica e di tutto quello che riguarda la Blue Economy". Il Business Club Italia di Londra, ricorda infine la nota del comune, è un think tank composto da professionisti, imprenditori, finanzieri e avvocati italiani, affermatosi negli anni come il luogo di confronto su tematiche italiane viste dalla City. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Gaza: Israele accetta la proposta per il cessate il fuoco, "ora spetta ad Hamas"

Mar Rosso: affonda la Rubymar attaccata dagli Houthi

Roma, il cancelliere tedesco Scholz a colloquio privato con Papa Francesco