Fondazione Fedez, a giorni decreto sul bonus psicologo 2023

"Ministro ha risposto a petizione che ha ottenuto 300mila firme"
"Ministro ha risposto a petizione che ha ottenuto 300mila firme"
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ROMA, 09 NOV - "Il Ministro della Salute, Orazio Schillaci, tramite il Capo di Gabinetto, ha ufficialmente risposto alla petizione lanciata da Fondazione Fedez che in pochi giorni ha ottenuto oltre 300.000 firme. Nella lettera ricevuta è stato confermato che nei prossimi giorni, in collaborazione con il Ministro dell'Economia e delle Finanze, verrà varato il decreto attuativo per il Bonus Psicologo 2023. Questo significa che finalmente i fondi necessari saranno sbloccati, rispondendo alle legittime richieste della cittadinanza": lo riporta in una nota la Fondazione Fedez. "Nella stessa comunicazione - si aggiunge - il Ministero ha sottolineato gli sforzi compiuti per migliorare la situazione della salute mentale nel Paese. Tuttavia, alla luce delle informazioni che abbiamo a disposizione e dei confronti con organizzazioni pubbliche attive nel campo della salute mentale, emerge che la realtà non è esattamente questa e che occorre un impegno ancora maggiore affinché queste promesse si traducano in azioni concrete. Pertanto, continueremo a vigilare e a lavorare instancabilmente per assicurarci che le parole non rimangano soltanto dichiarazioni di intenti. Presto presenteremo ulteriori dettagli sulle questioni che richiedono ancora interventi e azioni immediate". La Fondazione aggiunge che, nonostante la risposta ricevuta, "il Ministro non ha ancora accolto la richiesta di incontro. Riteniamo che il dialogo diretto sia essenziale per affrontare le complesse sfide legate alla salute mentale e per garantire un reale cambiamento. Pertanto, rinnoviamo il nostro invito per un incontro ufficiale, auspicando che il Ministero accolga questa richiesta nell'ottica di una collaborazione costruttiva. Questa esperienza - conclude la Fondazione - dimostra l'importanza di far sentire la propria voce nella società. Le petizioni, a volte, possono sembrare inefficaci, ma in questo caso abbiamo ottenuto risposte concrete. Continueremo a raccogliere firme". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Alta tensione tra Moldova e Transnistria, Tiraspol chiede l'intervento russo per i dazi

La Germania media per la pace tra Azerbaigian e Armenia

Guerra in Ucraina, Zelensky al vertice in Albania chiede più munizioni