Caritas, sempre più working poor, poveri nonostante un lavoro

Rapporto 2023 sulla povertà sarà presentato il 17 novembre
Rapporto 2023 sulla povertà sarà presentato il 17 novembre
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - BOLZANO, 09 NOV - "Emerge come centrale il fenomeno dei working poor, ossia di quelle situazioni di povertà, personali e familiari, in cui non manca il lavoro, ma il reddito non è sufficiente a una vita dignitosa", anticipa il vicedirettore di Caritas Italiana Paolo Valente. Sarà presentato il 17 novembre, presso la sede di Caritas Italiana a Roma il Rapporto 2023 su povertà ed esclusione sociale in Italia dal titolo "Tutto da perdere". La data è strettamente collegata alla Giornata Mondiale dei Poveri voluta da papa Francesco per il 19 novembre. Sul "lavoro povero", che interessa anche la realtà altoatesina, è stata realizzata un'indagine nazionale, di taglio sperimentale e qualitativo, la prima di tipo partecipativo mai realizzata da Caritas Italiana. "In tutte le fasi di studio è stato coinvolto un gruppo di persone che vivono sulla propria pelle la condizione di fragilità economica e lavorativa. In questo modo le persone si rendono protagoniste e non solo destinatarie di aiuto", aggiunge Valente, che fino a febbraio 2022 è stato direttore della Caritas diocesana di Bolzano-Bressanone, è ora vicedirettore di Caritas Italiana, ente di cui da un anno segue anche lo sviluppo di tutti i mezzi di comunicazione. Caritas Italiana, organismo pastorale della Conferenza episcopale, ha sede a Roma e supporta e coordina le 218 Caritas diocesane presenti in Italia. Partecipa attivamente alla rete Caritas europea e internazionale. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Le notizie del giorno | 27 febbraio - Mattino

Migranti: anniversario strage di Cutro, i parenti delle vittime denunceranno il governo italiano

Fonti vicine a Navalny: "Trattative per uno scambio di detenuti" poco prima della morte