EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Processo Grillo jr, accusatrice piange in aula, udienza sospesa

Breve stop per crollo emotivo, poi la ragazza riprende racconto
Breve stop per crollo emotivo, poi la ragazza riprende racconto
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - TEMPIO PAUSANIA, 07 NOV - Breve sospensione nell'aula del Tribunale di Tempio Pausania dove sta testimoniando - a porte chiuse - la principale accusatrice dei quattro imputati di violenza sessuale di gruppo, Ciro Grillo, Edoardo Capitta, Vittorio Lauria e Francesco Corsiglia. Un crollo emotivo della ragazza italo-norgevese, all'epoca dei fatti 19enne, ha convinto i giudici ad interrompere la sua deposizione. La studentessa ha cominciato a raccontare la serata del 16 luglio 2019 trascorsa al Billionaire, avrebbe detto che tutti avevano bevuto molto, poi però si è bloccata quando la ricostruzione ha toccato la notte tra il il 16 e 17 agosto trascorsa nella villetta di Porto Cervo della famiglia Grillo, dove si sarebbe consumata la violenza. La ragazza non è riuscita a trattenere la lacrime, e l'udienza ha subito uno stop. E' stato quindi chiesto di far proseguire la deposizione proteggendo la teste con un paravento, ma l'istanza è stata respinta. La giovane sta così nuovamente rispondendo alle domande del pm Gregorio Capasso. Nel frattempo sono state fissate altre due udienze: dopo quelle già previste per il 13 e 14 dicembre, quando proseguirà l'esame della ragazza italo-norvegese, si andrà al 31 gennaio e all'1 febbraio 2024. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Cipro, cinquant' anni dopo l'invasione turca del 1974 che portò alla spartizione del Paese

Le notizie del giorno | 17 luglio - Serale

Parigi 2024, la sindaca Hidalgo nuota nella Senna alla vigilia delle Olimpiadi