EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Auto finisce contro carabinieri durante controllo, due gravi

A Lamezia Terme. Ferito anche il conducente della vettura
A Lamezia Terme. Ferito anche il conducente della vettura
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - LAMEZIA TERME, 04 NOV - Due carabinieri che stavano effettuando un controllo a Lamezia Terme su un autoveicolo sono stati travolti stamattina, per cause in corso d'accertamento, da un'automobile di passaggio e sono rimasti feriti in modo grave. I due militari sono stati ricoverati in ospedale, il più grave a Catanzaro e l'altro a Lamezia Terme. Per entrambi la prognosi é riservata, ma non sono, secondo quanto si é appreso, in pericolo di vita. Ferito in modo non grave anche il conducente dell'auto investitrice. L'incidente si é verificato in via dei Bizantini, in una zona periferica di Lamezia. Nel momento in cui sono stati investiti, i due carabinieri si trovavano accanto ad una vettura al cui conducente avevano appena imposto l'alt per un controllo. Poco dopo è sopraggiunta una Bmw alla guida della quale c'era una persona che ha perso il controllo della vettura, finendo prima contro un cancello e poi contro i militari fermi lungo la strada. Gli stessi carabinieri, che hanno avviato le indagini sull'incidente, escludono che il conducente della Bmw abbia investito volutamente i carabinieri e riferiscono che si é trattato di un fatto accidentale. Sul posto sono intervenuti anche i vigili del fuoco del distaccamento di Lamezia Terme. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Olimpiadi di Parigi: ecco cosa sappiamo della cerimonia di apertura

Razionamento dell'acqua in Romania per migliaia di persone a causa della siccità

Francia, comprare sesso resta un reato: lo decide la Corte europea dei diritti dell'uomo