EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

4 Novembre: le frecce tricolori chiudono celebrazioni a Cagliari

Mattarella ha consegnato delle decorazioni a cinque bandiere
Mattarella ha consegnato delle decorazioni a cinque bandiere
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - CAGLIARI, 04 NOV - Lo spettacolare passaggio sul cielo di Cagliari delle Frecce tricolori, e le cannonate a salve dalla nave Alpino, hanno chiuso le celebrazioni per il Giorno dell'Unità nazionale e Giornata delle Forze armate. Centinaia di persone, accalcate dietro le transenne nello spazio allestito all'interno del porto in via Roma, nella Calata Delogu, hanno salutato il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, giunto a Cagliari con il ministro della Difesa, Guido Corsetto, e il capo di Stato maggiore della Difesa, l'ammiraglio Giuseppe Cavo Dragone. In rappresentanza del governo, presente anche la ministra del Lavoro, Marina Calderone, oltre al vice presidente del Senato Maurizio Gasparri. In tribuna autorità, fra gli altri, anche il cardinale Arrigo Miglio, il presidente della Regione Sardegna Christian Solinas, il sindaco di Cagliari Paolo Truzzu, il prefetto Giuseppe De Matteis. I reparti schierati a Cagliari erano composti da 450 tra donne e uomini dei vari copri delle forze armate, con in testa i "Dimonios" della Brigata Sassari. Particolarmente toccante proprio il passaggio dei 'sassarini', che proprio da questo punto, il 13 marzo del 1915, partirono per il fronte a bordo del piroscafo America. Il presidente Mattarella, che non ha tenuto alcun discorso, ha consegnato delle decorazioni a cinque bandiere dei vari reparti militari. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Netanyahu al Congresso Usa: "Guerra a Hamas fino alla vittoria totale"

Fao, "733 milioni di persone hanno sofferto la fame nel 2023"

Hubert Védrine: "Le democrazie rappresentative sono in crisi"