EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Fatture false per un milione di euro,imprenditore ai domiciliari

Sequestro da 200mila euro a Racconigi, in provincia di Cuneo
Sequestro da 200mila euro a Racconigi, in provincia di Cuneo
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - CUNEO, 03 NOV - Aveva ideato un sistema di evasione costituendo una ditta individuale con il solo scopo di emettere fatture false, per circa un milione di euro. Per questo un imprenditore di Racconigi (Cuneo), operante nel settore della carpenteria metalmeccanica, è stato raggiunto da una misura cautelare di arresti domiciliari e da un decreto di sequestro preventivo per un valore di circa 200mila euro. Le indagini sono state svolte dai finanzieri della tenenza di Fossano, attraverso accertamenti tecnici e bancari, analisi e ricostruzione della documentazione contabile e amministrativa. L'ideatore della frode emetteva false fatture relative a prestazioni lavorative verso altri imprenditori che pagavano. Il denaro così ricevuto veniva poi restituito sotto banco agli imprenditori compiacenti. Tale condotta permetteva sia all'imprenditore di Racconigi che alle imprese destinatarie delle false fatture di ottenere un vantaggio fiscale: per il primo quello di trarre profitto illecito in misura pari all'imposta sul valore aggiunto (Iva), per i secondi, di contabilizzare costi fittizi, abbattendo l'imponibile. Gli amministratori della società beneficiarie della frode, posti di fronte alle risultanze delle indagini, hanno ammesso la propria responsabilità e hanno provveduto a pagare i loro debiti all'erario per circa 700mila euro. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Le notizie del giorno | 15 luglio - Serale

Attentato a Donald Trump, le teorie cospirative e le fake news da milioni di visualizzazioni

La Nato inaugura il centro di comando per il supporto all'Ucraina in Germania