Giornata della filatelia, tre francobolli ispirati a Mare Fuori

L'Ad Rai: "La fiction riflette i problemi della contemporaneità"
L'Ad Rai: "La fiction riflette i problemi della contemporaneità"
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ROMA, 01 NOV - Tre francobolli celebrano in Italia oggi la Giornata della Filatelia: si ispirano agli 'amici di penna' e dichiaratamente alla fiction Rai Mare Fuori. I francobolli (validi per la posta ordinaria) sono racchiusi in un foglietto e interpretano il tema della comunicazione attraverso il servizio postale, raffigurando un ragazzo in cella seduto al tavolino assorto nella scrittura di una lettera, un postino in bicicletta, con il Vesuvio sullo sfondo, impegnato nella consegna della posta, una ragazza nella sua stanza che legge una lettera appena ricevuta. Il foglietto che racchiude i francobolli riproduce una foto raffigurante alcuni degli interpreti del cast della serie Mare fuori ed, in particolare, Nicolas Maupas, Matteo Paolillo, Maria Esposito, Vincenzo Ferrera e Massimiliano Caiazzo. Il bollettino illustrativo che accompagna l'emissione è firmato dall'amministratore delegato della Rai, Roberto Sergio. "I dati - scrive Sergio - testimoniano quanto la fiction della Rai abbia avuto un riscontro più che positivo in termini di ascolti... Nell'offerta di fiction della Rai si riflettono i problemi e le contraddizioni della contemporaneità esaltando l'appartenenza a una comunità e le motivazioni che la tengono insieme, sul piano individuale e collettivo. 'Mare Fuori' assolve a questo compito con la forza del suo racconto e il protagonismo di ragazzi che si confrontano con la durezza delle esperienze in un carcere minorile". "Così una lettera scritta con penna e inchiostro - aggiunge Sergio - può diventare la scialuppa per attraversare quel mare, per viverlo e per affrontarlo. La scrittura, in un mondo dominato dalle tecnologie e dai social, resiste come uno strumento potente, in grado di stabilire contatti e canali di comunicazione con una portata emotiva che nessuna e-mail, nessuna chat, nessun messaggio vocale potrebbero eguagliare". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

L'attività russa ad Adiivka "è rallentata drasticamente" dopo la conquista della città

Grecia, protesta degli agricoltori ad Atene: almeno duecento trattori

Londra, inizia l'ultima udienza per l'estradizione di Assange: negli Usa rischia 175 anni di carcere