Dentista aggredita e sequestrata in casa a Torino

Tre banditi incappucciati, uno è stato bloccato dai custodi
Tre banditi incappucciati, uno è stato bloccato dai custodi
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - TORINO, 28 OTT - Tre uomini incappucciati hanno aggredito e sequestrato in casa una dentista a Torino per arrivare alla cassaforte. La scena però è stata vista dal marito della donna attraverso le videocamere dell'abitazione, che ha allertato il custode e la polizia. Il custode è corso verso l'appartamento col figlio e insieme sono riusciti a bloccare uno dei tre banditi, per consegnarlo poi alla polizia giunta sul posto. Gli altri due malviventi sono invece fuggiti. I fatti sono accaduti giovedì sera poco prima delle 20 e vengono riportati da quotidiani locali. I tre hanno aspettato la donna, poco più di 60 anni, sotto casa, ai piedi della collina di Torino, dietro la Gran Madre, in un complesso abitato da manager, professionisti e in passato anche da calciatori. Parcheggiata l'auto nel garage sotterraneo, la dentista si è vista aggredire e gettare a terra, quindi ha finto uno svenimento, ma non li ha impietositi. L'hanno costretta a salire in casa, a disattivare l'antifurto e l'hanno imbavagliata e legata con delle fascette, minacciandola: "Se urli finisci male e facciamo del male anche a tuo marito" l'hanno minacciata poco prima di andare dritti verso la cassaforte. Una cassaforte pesante, tanto da scoraggiare i rapinatori dal portarla via, dopo avere tentato di trascinarla con un tappeto verso l'uscita, non riuscendo ad aprirla. O forse un palo all'esterno ha avvertito i tre dell'arrivo delle prime luci blu della polizia. I malviventi in ogni caso sono fuggiti, ma il custode, accorso col figlio, ne ha bloccato uno prima che riuscisse a uscire dal prato della residenza. Gli altri due invece si sono dileguati nel verde della collina. L'uomo bloccato è Basilio Pruiti, 68 anni, noto per furti e rapine in Piemonte, con l'ultima condanna in abbreviato nel 2015. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Tel Aviv, i familiari degli ostaggi rapiti a Kfar Azza chiedono in piazza il loro rilascio

Le notizie del giorno | 30 novembre - Serale

Clima, il Tribunale amministrativo di Berlino condanna il governo tedesco