EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Naufragio Cutro: Cirielli, causato da Turchia, Grecia e Frontex

Viceministro Esteri, 'occorre impedire le partenze illegali'
Viceministro Esteri, 'occorre impedire le partenze illegali'
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - CROTONE, 27 OTT - "Il naufragio del barcone carico di migranti a Cutro del 26 febbraio scorso è stato provocato dalla Turchia, che ha fatto partire una nave senza controllo; dalla Grecia, che non è intervenuta a vigilare, e da Frontex, che non ha fatto bene il suo dovere". Lo ha detto a Crotone il viceministro degli Esteri, Edmondo Cirielli. "Va poi considerato il fatto - ha aggiunto Cirielli - che, in presenza di alcuni interventi italiani, gli scafisti hanno fatto una brusca manovra, facendo morire quelle persone. In ogni caso, é dimostrato statisticamente che più aumentano le partenze illegali nel Mediterraneo, più ci sono morti. Per cui l'obiettivo deve essere proprio quello di impedire le partenze illegali. E noi stiamo lavorando su questo. Chi ha diritto sul piano umanitario a venire in Europa, deve poterlo fare attraverso i canali legali. Aggiungo che chi vuole venire a lavorare in Italia e non è un profugo di guerra protetto dal Diritto internazionale, deve poterlo fare secondo le regole, e quindi con il decreto flussi". "Dobbiamo stroncare le organizzazioni criminali - ha detto ancora il viceministro - che gestiscono il traffico illegale delle persone sfruttando economicamente la loro disperazione, anche a costo di farle morire". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Yemen: attacco di Israele contro Hodeida, morti e feriti nella città controllata dagli Houthi

Guerra a Gaza: decine di morti nel campo di Nuseirat, la Nuova Zelanda contro Israele

Pakistan: tre morti e venti feriti in un attacco durante una marcia per la pace