EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Conte, crociata contro le intercettazioni, ma sono fondamentali

La magistratura è costretta ad intervenire anche sui salari
La magistratura è costretta ad intervenire anche sui salari
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ROMA, 26 OTT - "Troppi soldi per le intercettazioni? Non si ragiona così e poi c'è un trend decrescente". "C'è una santa crociata contro" le intercettazioni da parte di "tanti esponenti della maggioranza", ma sono "fondamentali, non si può prescindere". Lo dice il leader del M5s Giuseppe Conte al Salone della Giustizia. A suo avviso il "governo sta smantellando presidi contro la corruzione". "Io sono super convinto che il salario minimo sia una soluzione", aggiunge e "non è una battaglia del Movimento perché siamo estrosi", ci sono persone "sottopagate, 3 milioni e 600 mila, soprattutto donne e giovani, se non arrivi a fine mese ti spacchi schiena senza nessuna dignità". Poi, osserva, "ci si lamenta che magistratura invade" il campo della politica, prosegue Conte, che ricorda: "Fioccano sentenze a partire dalla Cassazione che, di fronte alle richieste dei lavoratori, stanno prendendo il luogo della politica. La magistratura è costretta ad intervenire perché la maggioranza è completamente sorda ad un problema". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Enrico Letta potrebbe essere l'asso nella manica di Macron nel gioco dei vertici dell'Ue contro l'estrema destra

Svizzera: in carcere per sfruttamento i membri della famiglia miliardaria Hinduja

Euro 2024: vincono Austria e Ucraina, pari tra Paesi Bassi e Francia