Uccide la vicina: gip, il fermato deve restare in carcere

'Personalità capace di crimini efferati'
'Personalità capace di crimini efferati'
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - MILANO, 23 OTT - Domenico Livrieri, accusato di avere ucciso la vicina di casa Marta Di Nardo e di averne tagliato in due il corpo per poi nasconderlo in casa, deve rimanere in carcere. A stabilirlo è il gip di Milano Alessandra Di Fazio, che ha convalidato l'arresto del 46enne. Data "l'estrema gravità dei fatti commessi - scrive il giudice nell'ordinanza -, la personalità dell'imputato capace di crimini efferati come già fatto in passato, l'unica misura cautelare è quella della custodia cautelare in carcere". L'avvocato Diego Soddu, difensore dell'uomo, aveva chiesto una misura di custodia cautelare in un luogo di cura, in quanto l'indagato soffre di problemi psichiatrici ed era già in carico a un Cps. Il gip ha disposto anche che i servizi psichiatrici del carcere "aggiornino costantemente" il giudice "sulle sue condizioni psicofisiche", in attesa che venga disposta una "nuova perizia sulla capacità di intendere e di volere". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Tel Aviv, i familiari degli ostaggi rapiti a Kfar Azza chiedono in piazza il loro rilascio

Le notizie del giorno | 30 novembre - Serale

Clima, il Tribunale amministrativo di Berlino condanna il governo tedesco