EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Cervo-mascotte nel Bellunese ucciso da un cacciatore

Indignazione tra gli abitanti, era anche comparso in tv
Indignazione tra gli abitanti, era anche comparso in tv
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - BELLUNO, 23 OTT - Indignazione e tristezza nel borgo dolomitico di Pecol, nel comune di San Tomaso Agordino (Belluno), dopo la morte violenta, per mano di un cacciatore, di "Bambotto", un esemplare di cervo di sette anni che era la 'mascotte' del paese e viveva in simbiosi con la gente. Lo raccontano i giornali locali. Il cervo era anche assurto alla notorietà televisiva, grazie alla trasmissione Rai "Linea Bianca". Era noto per affacciarsi alle finestre delle case per nutrirsi e farsi accarezzare. Nella pagina Facebook animalista 'Claretta' ricorda che "l'opinione pubblica condanna il gesto senza se e senza ma. Il cacciatore anonimo locale codardo non ci mette nemmeno la faccia. Ma si dice che nel paese tutti sanno chi è l'autore del spregevole gesto". Bambotto - ricorda un commento di una residente - era nato 7 anni fa a Pecol ed era stato portato dalla mamma sullo zerbino di un'abitazione. Da allora è diventato il cervo di Pecol, e lo si poteva incrociare per strada tra le frazioni limitrofe. Alcuni cacciatori avrebbero dichiarato di averlo ucciso dopo aver ricevuto segnalazioni, negli ultimi tempi, di una sua presunta aggressività. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Usa 2024, Trump sceglie il suo vice: il senatore J.D. Vance

Stati Uniti, Trump: archiviata l'accusa sulla detenzione di documenti riservati

Le notizie del giorno | 15 luglio - Serale