EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Nel lavoro il gap 'non solo di genere ma di generazione'

Tavola rotonda all'InVisibile festival della fondazione Bullone
Tavola rotonda all'InVisibile festival della fondazione Bullone
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - MILANO, 21 OTT - Nel mondo del lavoro non esiste solo un divario di genere ma ce ne è anche uno generazionale. Il tema è una di quelli che sono stati affrontati oggi nelle tavole rotonde in programma nella seconda giornata di InVisibile Festival, iniziativa della fondazione Bullone in corso a Milano, fondata dall'imprenditore sociale Bill Niada perché adolescenti e giovani adulti che vivono l'esperienza della malattia possano andare oltre grazie a progetti come il giornale Il Bullone. "Lavorando con le aziende, che esprimono in qualche modo l'evoluzione della società - ha spiegato Flaminia De Romanis, Head of Learning and Development di Valore D - cerchiamo di colmare il gap di genere ma oggi anche le differenze generazionali. Negli ultimi anni all'interno delle aziende sta arrivando la Gen Z, portando nuove idee e un approccio diverso al lavoro che sembra essere contagioso rispetto ai colleghi più grandi". "È importante in questo momento quindi - ha aggiunto - fare formazione verso le persone che gestiscono all'interno delle aziende le altre persone affinché possano sviluppare un approccio che permetta di includere e valorizzare diversità". Il lavoro, questione su cui i giovani mostrano pessimismo, non è stato l'unico tema trattato oggi. Si è parlato anche di relazioni e di salute mentale. "Dobbiamo prenderci cura della nostra salute mentale e riconoscerla, parlarne e - ha sottolineato il podcaster Fabio Trincia autore di 'Dove nessuno guarda - Il caso Elisa Claps' - trasformarla eventualmente anche in narrazione perché rappresenta quello che abbiamo dentro e dobbiamo metterlo sul tavolo". Il festival continuerà domani nella giornata conclusiva in cui sarà presentato il Bullone.eu, una nuova testata europea fatta dai giovani per i giovani che ha come obiettivo di aprire la strada a un giornalismo sociale europeo confra gli altri ragazzi e le ragazze del Bullone, medici e giovani di PanCare; alcuni detenuti della Casa di Reclusione di Opera con il giornale sociale Mabul; Trace and Dreams, agenzia europea di storytelling e comunicazione sociale e un videomessaggio del commissario Europeo Paolo Gentiloni. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

L'Albania brucia con l'estate e i pompieri non hanno mezzi: l'Ue interviene contro gli incendi

Regno Unito, Starmer vuole ricostruire le relazioni con l'Unione europea

Germania, Angela Merkel compie 70 anni: una vita dedicata alla politica