EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Arriva proposta legge per Piano antiterrorismo nelle scuole

Lega, formare studenti e prof, telefoni presidi a polizia
Lega, formare studenti e prof, telefoni presidi a polizia
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ROMA, 21 OTT - Un piano 'comportamentale e operativo' per il personale scolastico in caso di un attacco terroristico alle scuole. Lo prevede una proposta di legge, a prima firma del capogruppo della Lega in Senato Massimiliano Romeo. "La minaccia del terrorismo non si è mai placata. I luoghi della cultura sono i principali bersagli dell'odio cieco di questi gruppi. Proteggerli prima del tempo è nostro dovere improrogabile. La Lega anticipa i tempi e avanza una proposta legislativa che connette scuola e sicurezza", commenta la consigliera del ministro dell'Istruzione Giuseppe Valditara e vicesegretario della Lega umbra Valeria Alessandrini. Nel testo - messo a punto con il presidente della Commissione Cultura e Istruzione della Camera, Roberto Marti - si chiede di "prevedere iniziative in grado di aumentare il grado di sicurezza all'interno degli istituti scolastici, preparando il personale scolastico a specifici comportamenti ai quali attenersi in caso di attacco all'istituto", inoltre si punta a formare gli studenti; si prevedono esercitazioni annuali che simulino "la gestione di un evento di emergenza". La Lega chiede infine di "stabilire una collaborazione tra gli istituti scolastici, le Forze armate e le Forze di polizia". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Olimpiadi di Parigi: ecco cosa sappiamo della cerimonia di apertura

Razionamento dell'acqua in Romania per migliaia di persone a causa della siccità

Francia, comprare sesso resta un reato: lo decide la Corte europea dei diritti dell'uomo