EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Covid: prosegue la discesa della curva, cala l'incidenza ed Rt

Monitoraggio settimanale, stabili i ricoveri
Monitoraggio settimanale, stabili i ricoveri
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ROMA, 20 OTT - Prosegue la discesa del Covid in Italia, con la riduzione dell'incidenza e dell'Rt, secondo il monitoraggio settimanale che Ansa ha potuto visionare. L'incidenza di casi COVID-19 diagnosticati e segnalati nel periodo 12/10/2023-18/10/2023 è stata pari a 58 casi per 100.000 abitanti, in discesa rispetto alla settimana precedente (05/10/2023-11/10/2023, 71 casi per 100.000 abitanti). Al 18/10/2023 l'occupazione dei posti letto in area medica resta limitata, pari al 5,7% (3.551 ricoverati), sostanzialmente stabile rispetto alla settimana precedente (5,8% all'11/10/2023). Resta invariata rispetto all'11/10/2023 l'occupazione dei posti letto in terapia intensiva, pari a 1,3% (119 ricoverati). I tassi di ospedalizzazione e mortalità aumentano con l'età, presentando i valori più elevati nella fascia d'età 90+ anni; anche il tasso di ricovero in terapia intensiva aumenta con l'età. L'indice di trasmissibilità (Rt) basato sui casi con ricovero ospedaliero al 10/10/2023 è pari a 0,93 (0,89 - 0,98), è in diminuzione rispetto alla settimana precedente (Rt=1,08 (1,03 - 1,13) al 03/10/2023) e sotto la soglia epidemica. La fascia di età che registra il più alto tasso di incidenza settimanale è quella superiore ai 90 anni. L'incidenza è in diminuzione in tutte le fasce d'età. L'età mediana alla diagnosi è di 57 anni, sostanzialmente stabile rispetto alle settimane precedenti. La percentuale di reinfezioni è circa il 42%, sostanzialmente stabile rispetto alla settimana precedente. In base ai dati di sequenziamento disponibili nella piattaforma nazionale I-Co-Gen, nelle ultime settimane di campionamento consolidate (dati al 16 ottobre 2023), si osserva una co-circolazione di ceppi virali ricombinanti omicron riconducibili a XBB. Tra questi, in accordo con quanto osservato in diversi Paesi, la variante d'interesse EG.5, ed in particolare EG.5.1.1, si conferma predominante. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

La crisi immobiliare colpisce la Grecia, i prezzi delle case sono aumentati dell'11 per cento

Francia, Macron rassicura la Nato sugli impegni per l'Ucraina: dilemma maggioranza e primo ministro

Le notizie del giorno | 12 luglio - Serale