EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Manifestazione pro Palestina a Pescara

Circa 200 persone di 28 associazioni scendono in piazza
Circa 200 persone di 28 associazioni scendono in piazza
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - PESCARA, 19 OTT - Sit-in in piazza anche a Pescara per sollecitare la pace in Palestina: circa 200 persone, in rappresentanza di 28 associazioni, si sono ritrovate in Piazza della Repubblica, davanti alla vecchia stazione per solidarizzare con il popolo palestinese. "Diciamo Palestina libera perché la Palestina esiste - spiega Renato Di Nicola del Forum Abruzzese dell'Acqua - mentre c'è uno stato colonialista di occupazione che si chiama Israele che diceva e dice i palestinesi chi sono? Noi dobbiamo invece ricordare che c'è una popolazione che è sottoposta ad occupazione e che si è ribellata due settimane fa in modo discutibile, ma che non ce la fa più a resistere in un carcere a cielo aperto come Gaza e in un territorio occupato come la Cisgiordania". Presente anche il segretario nazionale di Rifondazione Comunista Maurizio Acerbo. "Bisogna fermare i bombardamenti su Gaza che sono crimini contro l'umanità e crimini di guerra così come gli attentati di Hamas su una scala più grande. Solo se verranno riconosciuti i diritti del popolo palestinese sulla base delle risoluzioni Onu, si potrà creare un percorso di pace in Medio Oriente. Purtroppo il nostro Governo abbandonando la tradizione di mediazione tra Israele e i palestinesi si è schierato con Netanyahu che ha collaborato e aiutato Hamas per mettere in difficoltà chi chiede una soluzione due popoli e due stati". Il segretario della Cgil Pescara Luca Ondifero sottolinea che "la Cgil non ha mai avuto dubbi a sostenere queste forme di solidarietà ai popoli che vengono attaccati e aggrediti. Condanniamo con fermezza l'attacco di Hamas al popolo israeliano e come condanniamo che le aggressioni anche di Israele verso il popolo palestinese. Riteniamo che si debba usare solo una strada, quella della pace, perché riteniamo che questi conflitti debbano fermarsi subito". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Fao, "733 milioni di persone hanno sofferto la fame nel 2023"

Hubert Védrine: "Le democrazie rappresentative sono in crisi"

Le notizie del giorno | 24 luglio - Serale