EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Risse in discoteca del branco, capo 15enne parente del boss

Carabinieri eseguono 7 ordinanze, contestata aggravante mafia
Carabinieri eseguono 7 ordinanze, contestata aggravante mafia
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - CATANIA, 18 OTT - Un 'branco' guidato da un 15enne stretto congiunto di un boss mafioso avrebbe spadroneggiato in una discoteca di Catania ingaggiando finte risse per creare disordini, minacciando e picchiando barman e buttafuori per estorcere entrate e consumazioni gratuite, intimidendo i clienti e causando in una circostanza l'interruzione di una festa privata. E' quanto emerge dall'operazione 'Dazio' dei Carabinieri del Comando provinciale di Catania, che con il supporto dei reparti specializzati stanno eseguendo due ordinanze di custodia cautelare emesse nei confronti di sei giovani e di un minorenne. I sette sono indagati a vario titolo per estorsione, lesioni personali commesse in più persone riunite con utilizzo di armi, violenza privata, il tutto con l'aggravante del metodo mafioso. Le ordinanze dispongono cinque misure cautelari in carcere e una agli arresti domiciliari per i maggiorenni, e la custodia in un istituto penitenziario per il 15enne. Le indagini, coordinate dalle procure distrettuale e per i minorenni e condotte dal Nucleo operativo della compagnia Piazza Dante, avrebbero documentato l'esistenza di un gruppo criminale composto da numerosi giovani, tra cui i sette indagati, guidati dal 15enne, stretto congiunto di uno dei responsabili del gruppo Nizza, attualmente detenuto al 41bis e appartenente alla 'famiglia' Santapaola-Ercolano di Cosa nostra. Secondo l'accusa, "la 'gang', agendo col metodo mafioso e avvalendosi della forza intimidatrice espressa dal sodalizio, tra febbraio e maggio 2023, avrebbe attuato una serie di violenze e minacce nei confronti del titolare e dipendenti della discoteca Ecs Dogana, nel porto di Catania" Gli investigatori ritengono "emblematico un episodio di violenza, quando il gruppo criminale, ostentando la disponibilità di pistole, avrebbe violentemente pestato due giovani". In particolare, una delle vittime, dopo essere stata accerchiata dal branco, sarebbe stata colpita alla testa con il calcio della pistola e poi presa a calci e pugni dal gruppo". L'aggressione sarebbe continuata nonostante la vittima fosse sanguinante. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Proteste in Bangladesh: studenti in piazza contro il governo, aumentano i morti negli scontri

Brasile, fiume pieno di pesci morti a San Paolo: colpa degli scarichi industriali

Deputata romena con la museruola cacciata dal Parlamento Ue prima di voto per von der Leyen