EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Notte delle edicole ma la sua è distrutta:vende giornali in auto

"Partecipo come posso", un albero cadde su rivendita a Cagliari
"Partecipo come posso", un albero cadde su rivendita a Cagliari
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - CAGLIARI, 17 OTT - Via alla notte delle edicole: stasera chi vende giornali e riviste illuminerà il proprio chiosco per ribadire storia e importanza di un settore commerciale che per decenni ha accompagnato la quotidianità degli italiani. Un mestiere che però rischia di sparire: la carta sta provando a respingere le bordate della rete, ma la lotta è molto dura. Antonio Durzu la storica edicola di via Roma a Cagliari, per cause di forza maggiore, non ce l'ha più: a maggio un gigantesco ramo di un albero secolare è caduto sulla sua rivendita, distruggendola. Ma lui ha deciso lo stesso di aderire alla manifestazione nazionale. Con quelle che sono diventate, da qualche mese a questa parte, le sue modalità di vendita: giornali caricati sul bagagliaio della sua auto. E portiera posteriore aperta: è la sua postazione di lavoro. "Non potrò addobbare la mia 'rivendita', ma sono solidale con tutto il movimento e con i miei colleghi - spiega Durzu all'ANSA - Una lotta che riguarda questioni sindacali, la modifica dell'aggio in considerazione del fatto che i giornali vendono di meno. Ma aderisco anche per difendere la storia delle edicole: durante i periodi del Covid siamo stati sempre aperti e siamo stati considerati un punto di riferimento fondamentale per la diffusione delle informazioni e per la gente. Ora molte edicole stanno chiudendo. Non possiamo permetterlo". Una lotta anche personale. Prima la caduta del ramo poi, nelle operazioni di rimozione e salvataggio di quello che restava della struttura, l'edicola è stata ulteriormente danneggiata: impossibile recuperare. Durzu però ha deciso di continuare lo stesso: davanti alla stessa postazione. Ma in auto. Il Comune assicura che a breve l'edicolante potrà riavere la sua rivendita. La nuova postazione sarà a qualche metro dalla vecchia, ma a distanza di sicurezza da quell'albero secolare, bello ma potenzialmente pericoloso. "È importante resistere - chiarisce Durzu - per questo, seppure con modalità diverse, ho deciso di aderire a questa campagna di sensibilizzazione: le città non possono perdere le loro edicole". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Olimpiadi: tuffo nella Senna per la ministra dello Sport Oudéa-Castéra

János Bóka: "L'Europa deve avere rapporti diplomatici con la Russia"

Spagna: sette feriti nella festa a Pamplona, nessuno dalle corna dei tori