EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

'Adesso basta', sciopero generale Cub, Sgb, Si Cobas, Usi-Cit

Venerdì per blocco rincari, stop a precariato e morti sul lavoro
Venerdì per blocco rincari, stop a precariato e morti sul lavoro
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - MILANO, 17 OTT - Contro la "macelleria sociale" nei confronti di lavoratori, precari, disoccupati e pensionati, già duramente colpiti negli ultimi 3 anni dagli effetti della pandemia, e per politiche anti-inflazione che blocchino i rincari di beni di prima necessità, bollette, affitti e mutui. Queste, in sintesi, le motivazioni dello sciopero generale indetto, per venerdì 20 ottobre, da Cub, Sgb, Si Cobas, Usi-Cit e AdL Varese. Lo slogan è 'Adesso basta'. Fra le richieste: no alla guerra e alle spese militari, sì all'aumento generalizzato dei salari pari all'inflazione e delle spese sociali; no all'abolizione del reddito di cittadinanza e sì al lavoro stabile e sicuro o a un salario garantito a tutti i disoccupati; basta con la strage dei morti sul lavoro. In un simile contesto - affermano i sindacati - le politiche del governo Meloni rappresentano una vera e propria dichiarazione di guerra contro i ceti sociali meno garantiti: sostegno incondizionato alla guerra, ricette securitarie (carcere ai minori e ai loro genitori), repressione degli scioperi e del conflitto sociale, abolizione del reddito di cittadinanza supportata da una campagna di odio contro i disoccupati. "L'approvazione del Dl Lavoro - rimarca Walter Montagnoli della segreteria nazionale Cub - ha incentivato la precarietà attraverso l'estensione dell'utilizzo dei voucher e la facilitazione dell'uso reiterato dei contratti a termine; nel mentre decine e decine di contratti collettivi sono scaduti, nel sostanziale silenzio-assenso delle 'opposizioni' parlamentari e dei vertici di Cgil-Cisl-Uil e Ugl". Presidi e manifestazioni si terranno, fra l'altro, a Torino, Palazzo della Regione, dalle 10 alle 12.30; Roma, Aeroporto di Fiumicino, Terminal 3 alle 10; Firenze, Ospedale di Careggi dalle 9.30; Catania, Assessorato alle Politiche sociali e Welfare dalle 10.30; Genova, Prefettura dalle 9.30; Carugate (Milano) Ikea dalle 10; Monza all'Ospedale San Gerardo dalle 10; Collegno (Torino) Ikea alle 6.30; Savona, Prefettura 10-11.30; Gricignano di Aversa (Caserta), Base Nato Contrada Boscariello dalle 10. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Donetsk, massicci bombardamenti russi: a Kostiantynivka una vittima e cinque feriti

Le notizie del giorno | 23 luglio - Pomeridiane

Parigi 2024: previsioni sul medagliere, record che potrebbero essere battuti e programma