Ieri come oggi, il ghetto di Roma ricorda le vittime dell'odio

Rabbino Di segni a Mattarella: 'Sua presenza è risposta ferma'
Rabbino Di segni a Mattarella: 'Sua presenza è risposta ferma'
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ROMA, 16 OTT - La marcia della memoria sul rastrellamento di ottanta anni fa, con migliaia di persone che hanno sfilato quest'anno fino al ghetto ebraico di Roma in una dolorosa osmosi tra gli orrori del presente e quelli del passato, quasi un monito per mettere in guardia dal pericolo che riaffiori l'odio, anche se in altre forme. Il 'sabato nero' degli ebrei romani, quando il 16 ottobre del 1943 alle 5.15 le Ss catturarono casa per casa più di mille persone per deportarle ad Auschwitz, è stato ricordato con una marcia silenziosa che ha sfilato sotto la pioggia dal Campidoglio fino allo slargo nel cuore del ghetto mai così sorvegliato, dove si è poi svolta una cerimonia alla quale ha partecipato lo stesso presidente della Repubblica, il quale alla Sinagoga ha deposto una corona di fiori. Tra i presenti in Largo 16 ottobre, al portico di Ottavia, anche il rabbino capo di Roma, Riccardo Di segni, il presidente della Cei, Matteo Zuppi, il presidente della Camera Luciana Fontana e i ministri Tajani e Piantedosi oltre a tanti studenti e cittadini, con il sindaco Roberto Gualtieri e Andrea Riccardi, il fondatore della Comunità di Sant'Egidio che ha organizzato la marcia. In un suo messaggio la senatrice a vita Liliana Segre ha ricordato a sua volta come soltanto in sedici tornarono da quella deportazione nei campi di concentramento, solo una donna e nessun bambino, concludendo che "ricordare è un dovere". E negli interventi di tanti esponenti istituzionali e rappresentanti della comunità sono inevitabili i riferimenti agli attacchi terroristici subiti in questi giorni da Israele ad opera di Hamas. Rivolgendosi a Mattarella, il rabbino capo di Roma ha detto: "interpreto la sua presenza qua come un ulteriore segno della sua attenzione personale e della vicinanza delle istituzioni dello Stato alle nostre difficoltà, una risposta ferma e di principio, contro ogni tentativo di deformazione, confusione, sostegno politico e persino teologico alla barbarie di allora e di oggi, che ha il volto del terrorismo. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Le mareggiate erodono la costa nel Regno Unito: il reportage da Norfolk

Le notizie del giorno | 08 dicembre - Pomeridiane

Ue, Macron fa la corte a Orbán per evitare il veto ungherese sull'Ucraina