EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Nel Salernitano i frati distribuiscono il pane in strada

Iniziativa con il sostegno dell'Antoniano per aiutare i poveri
Iniziativa con il sostegno dell'Antoniano per aiutare i poveri
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - NAPOLI, 15 OTT - Pane in strada, per chi ha fame, per chi è solo, per chi si ama. Nella giornata di oggi il Convento di San Francesco e Sant'Antonio a Cava de' Tirreni (Salerno) ha aperto le sue porte per distribuire pane fresco nelle strade. "Vogliamo condividere il pane con tutti - commenta frate Giampaolo Cavalli, direttore dell'Antoniano - per ricordarci che solo insieme e nella condivisione si vince la povertà". L'iniziativa, organizzata da Antoniano per celebrare la Giornata mondiale del pane (16 ottobre) e quella per la lotta alla povertà (17 ottobre), si è svolta contemporaneamente anche nelle altre mense di Operazione Pane di Roma, Bologna, Milano e Torino. Più di i 60 frati e volontari vicino alle mense e alle chiese per distribuire oltre 3.000 pagnotte, grazie al contributo di tanti panettieri e fornai che hanno scelto di stare al fianco dell'Antoniano. L'evento è anche un'occasione per aprirsi a tutta la comunità, per far conoscere le attività delle mense e sensibilizzare sull'importanza di tendere la mano a chi non ce la fa e far sentire il calore di una famiglia a chi è solo. "Il pane è casa, amore, cura. È condivisione. Spezzare il pane, dividerlo con chi ci sta accanto vuol dire riconoscerci parte di una sola famiglia, riconoscerci come fratelli e sorelle. Significa dire "benvenuto, benvenuta, qui sei a casa". È quello che facciamo ogni giorno nelle nostre mense, accogliendo chi è fragile e solo. Lo facciamo sull'invito di Gesù: date voi stessi da mangiare" prosegue frate Cavalli. L'evento e tutte le attività delle mense di Operazione Pane sono possibili anche grazie al Piccolo Coro dell'Antoniano e al mondo di Zecchino d'Oro. L'Antoniano è, infatti, il luogo dove "la musica diventa pane": i bimbi del coro e i piccoli solisti di Zecchino d'Oro, con le loro voci e la loro gioia, contribuiscono alle attività delle mense, a garantire un pasto a chi non ha da mangiare. Esempio concreto di quello che può fare la musica: donare il pane a chi ha fame o è solo. E proprio per celebrare questo spirito, fondamento di Antoniano, l'edizione 2023 di Zecchino d'Oro, in onda l'1,2 e 3 dicembre su Rai1, avrà come titolo La musica può. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Cipro, cinquant' anni dopo l'invasione turca del 1974 che portò alla spartizione del Paese

Le notizie del giorno | 17 luglio - Serale

Parigi 2024, la sindaca Hidalgo nuota nella Senna alla vigilia delle Olimpiadi