EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Da Perugia appello per 'due stati per due popoli'

'Fermiamo le stragi', quella della pace unica bandiera
'Fermiamo le stragi', quella della pace unica bandiera
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - PERUGIA, 15 OTT - Un appello per fermare la guerra in Medio oriente è stato lanciato da Perugia, la città di Aldo Capitini e della Marcia della pace che proprio nel 1987 per prima a livello internazionale andò a Gerusalemme con la PerugiAssisi. I manifestanti hanno chiesto lo stop immediato del conflitto tra Israele e Palestina per rilanciare la soluzione dei "due Stati per due popoli". L'Umbria, con le adesioni di una sessantina di sigle tra associazioni, sindacati e partiti del capoluogo umbro e di tutta la regione, si è quindi mobilitata al grido "Fermiamo le stragi! Riprendiamo per mano la pace" con un presidio pacifista in piazza Italia dove l'unica bandiera a sventolare è stata quella della pace I manifestanti hanno chiesto lo stop immediato del conflitto tra Israele e Palestina, come hanno spiegato gli organizzatori, tra i quali anche la Tavola della pace e la Cgil. Condanna quindi per "l'ignobile e brutale atto di aggressione di Hamas contro la popolazione civile Israeliana". "Neppure la disperazione e l'esasperazione del popolo Palestinese, vittima da decenni dell'occupazione, della restrizione delle libertà, può trovare una risposta nell'azione terroristica e militare" è stato sottolineato nell'appello per la pace, letto per l'occasione insieme ad alcune testimonianze. C'è pertanto la condanna contro ogni forma di violenza, di aggressione e di rappresaglia contro la popolazione civile, sia Israeliana che Palestinese. Per questo anche Israele "non deve reagire con la sua potenza militare contro la popolazione della Striscia di Gaza o usare metodi di rappresaglia come togliere cibo, luce, acqua ad una popolazione anch'essa ostaggio della violenza scatenata da Hamas, senza vie di fuga ed impossibilitata a proteggere le famiglie, i bambini e gli anziani". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Calcio, il francese Kylian Mbappé mette in guardia dagli estremismi prima delle elezioni

Festa per l'Eid al-Adha: migliaia di pellegrini musulmani celebrano i riti finali dell'Hajj

Riportate tutti a casa: Migliaia di persone a Tel Aviv chiedono il rilascio degli ostaggi di Hamas