EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Jurgalski fa marcia indietro, 'è Messner il re degli 8000'

'Giusto prevedere una zona di tolleranza di 190 metri'
'Giusto prevedere una zona di tolleranza di 190 metri'
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - BOLZANO, 13 OTT - Clamorosa marcia indietro di Berhard Jurgalski sul primato di re degli ottomila, tolto recentemente - su sua iniziativa - a Reinhold Messner, perché nel 1985 in compagnia di Hans Kammerlander avrebbe mancato di pochi metri la vetta dell'Annapurna. Secondo il contestato cronista, è giusto prevedere una "zona di tolleranza" di 190 metri in prossimità di alcune vette, come appunto l'Annapurna, che ha una interminabile cresta fino in cima. Per quest motivo il record spetterebbe "per sempre" allo scalatore altoatesina. Dopo l'uscita di Messner dal libro Guinness dei primati, Jurgalski è stato sommerso da critiche dal mondo alpinistico e dai fan del 79enne. Il tedesco ribadisce ora tramite Der Spiegel di aver agito in buona fede e che il suo intento non è quello di riscrivere la storia dell'alpinismo. Per non fare torto al re di pochi giorni Edi Viesturs, che comunque aveva subito rinunciato alla corona, Jurgalski introduce ora una nuova categoria dei moderni "collezionisti dei 14 ottomila" che vede in vetta l'americano. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Le notizie del giorno | 19 luglio - Serale

Corte Aja: l'occupazione israeliana nei territori palestinesi è illegale

Siccità e desertificazione: la Sicilia deve fare i conti con il cambiamento climatico