EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Chiesta condanna a 13 anni per 'postino' di Messina Denaro

Tra gli indagati nell'inchiesta anche Paolo Errante Parrino
Tra gli indagati nell'inchiesta anche Paolo Errante Parrino
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - PALERMO, 12 OTT - La procura di Palermo ha chiesto la condanna a 13 anni di Andrea Bonafede, cugino e omonimo dell'alter ego del boss Matteo Messina Denaro, accusato di associazione mafiosa. L'imputazione originaria era di favoreggiamento aggravato, ma nel corso delle indagini, con l'emergere di nuove prove a carico dell'operaio comunale di Campobello di Mazara, i pm Gianluca De Leo e Piero Padova l'hanno modificata aggravandola. Secondo l'accusa, oltre a fare da "postino" facendo avere all'ex latitante, in cura per un cancro, prescrizioni e ricette compilate dal medico Alfonso Tumbarello, anche lui indagato, Bonafede avrebbe assicurato al capomafia una assistenza continua. L'operaio, nipote del boss del paese Leonardo Bonafede, si è sempre difeso sostenendo di aver consegnato i documenti al cugino che aveva prestato l'identità a Messina Denaro ritenendo che fosse lui il paziente e non il latitante. Dalle indagini, però, è emerso che almeno in due occasioni, nel novembre del 2020, Bonafede avrebbe attivato due sim per il cellulare che, secondo i magistrati, sarebbero state in realtà utilizzate dall'allora latitante. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Hubert Védrine: "Le democrazie rappresentative sono in crisi"

Le notizie del giorno | 24 luglio - Serale

Come l'intelligenza artificiale viene utilizzata per istruzione, arte e veicoli autonomi in Qatar