EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

'Troppi stranieri a scuola', a Bari genitori trasferiscono bimbi

Accaduto in primaria. Preside:'A noi non interessa colore pelle'
Accaduto in primaria. Preside:'A noi non interessa colore pelle'
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - BARI, 11 OTT - Nella scuola primaria Don Bosco di Bari, i genitori di quattro alunni hanno chiesto il trasferimento dei propri figli perché non vogliono che stiano in classe con altri bimbi non italiani. "E' successo in una prima elementare nella quale ci sono sette alunni stranieri su venti - dice il dirigente scolastico Gerardo Marchitelli - ma cinque di loro sono nati a Bari, non hanno neanche un gap linguistico. Gli altri due sono nati in Georgia e in Bangladesh". Marchitelli racconta che i genitori "sono venuti a chiedermi il cambio classe nei primissimi giorni di avvio dell'anno scolastico. Avendo capito la motivazione ho risposto che avrebbero avuto solo due strade, far restare i loro figli dov'erano o chiedermi il nulla osta per cambiare scuola". Le famiglie hanno scelto questa seconda strada. Marchitelli però non vuole sentire parlare di razzismo nella sua scuola: "E' un problema che c'è ovunque - dice -. C'è anche chi si preoccupa della presenza di un bimbo disabile perché secondo lui potrebbe rallentare la programmazione. I muri da abbattere sono migliaia". Il preside aveva già avuto qualche problema in passato, "ma nulla di grave - precisa -. E non ho paura che ora ci sia un'escalation di casi. Dopo questo episodio non ci sono più stati problemi". "La parola straniero - conclude - la scuola non la conosce, noi non siamo interessati al colore della pelle, per noi i bambini sono solo alunni. Per me nessuno è straniero". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Attentato a Donald Trump, le teorie cospirative e le fake news da milioni di visualizzazioni

La Nato inaugura il centro di comando per il supporto all'Ucraina in Germania

No alla Nato e all'Unione Europea: viaggio tra i serbi di Bosnia-Erzegovina