EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Da alunno a educatore, 52 anni nella stessa scuola

L'esperienza di Giuseppe Cadili al Convitto nazionale di Palermo
L'esperienza di Giuseppe Cadili al Convitto nazionale di Palermo
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - PALERMO, 11 OTT - Arrivò, ancora bambino, come alunno. Se ne va come "educatore", cioè guida degli studenti. Il professor Giuseppe Cadili si congeda dopo avere passato con ruoli diversi 52 anni nella stessa scuola, il Convitto nazionale, nel quale aveva studiato anche Giovanni Falcone, a cui è stato intitolato. Nel 1971 Cadili veniva da Caltavuturo, un borgo storico delle Madonie. A quel tempo, e per tanti anni ancora, il Convitto accoglieva ragazzi che, provenendo da piccole località prive di istituti scolastici, vi restavano durante la frequenza dei corsi, dalle elementari al liceo. La storia del Convitto nazionale di Palermo è antica. Faceva parte di un grandioso edificio dei gesuiti destinato a scuole e completato tra il 1675 e il 1695. "Il Convitto mi ha dato tutto: l'istruzione, un lavoro dignitoso, l'amore perché qui ho conosciuto mia moglie. E questo cordone ombelicale adesso prosegue con mio figlio Antonio. Qui lascio un pezzo del mio cuore", ha detto Cadili durante la festa di commiato a fianco del rettore Cettina Giannino. Cadili, che è anche un giornalista, nella sua lunga permanenza ha vissuto tanti momenti storici dell'istituto. Innanzitutto il cambio del nome, nel 1999 in Convitto Giovanni Falcone (prima era intestato a Vittorio Emanuele II). L'iniziativa era stata avviata dal rettore dell'epoca su suggerimento proprio dell'educatore Cadili dopo il ritrovamento da parte della moglie Valeria Giarrusso, ex studentessa del liceo, delle pagelle del giudice Falcone che al Convitto aveva frequentato le elementari. Da un libro di Cadili, "La mia partita", il regista Pasquale Scimeca ha realizzato un film ("Convitto Falcone") girato quasi interamente all'interno dell'istituto. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Siccità e desertificazione: la Sicilia deve fare i conti con il cambiamento climatico

Russia: 16 anni di carcere per spionaggio al giornalista statunitense del Wsj Evan Gershkovich

Le notizie del giorno | 19 luglio - Pomeridiane