EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Coordinamento migranti, 'al via trasferimenti dal Cas Bologna'

'Circa 200 saranno spostati in altre strutture della regione'
'Circa 200 saranno spostati in altre strutture della regione'
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - BOLOGNA, 10 OTT - "Da questa mattina sono cominciati i trasferimenti dei migranti dal Cas di Bologna, decisi dalla Prefettura, verso altre strutture. La comunicazione gli è stata data ieri dagli operatori che lavorano in via Mattei. Da quello che abbiamo capito circa 200 persone verranno spostate in altre province, come Modena, Ferrara e Parma". A segnalare i trasferimenti è il Coordinamento migranti Bologna, che giovedì scorso aveva organizzato un'assemblea pubblica davanti al Cas per denunciare il sovraffollamento, circa 800 persone, e le scarse condizioni igieniche della struttura. "Per noi che da settimane stiamo lottando contro la miseria di questo centro la prospettiva di essere trasferiti non può che essere una vittoria: non vogliamo stare un giorno in più qui dentro", scrive il Coordinamento migranti. Allo stesso tempo, però, gli attivisti si domandano se il trasferimento dei migranti di questa mattina sia un "successo o rappresaglia?". "È chiaro a tutti noi che questa repentina decisione della prefettura di Bologna segue al presidio di giovedì quando tutta la stampa, le tv e le radio hanno potuto mostrare come funziona il sistema di accoglienza con questo governo in questa città. È chiaro a tutti noi che la prefettura teme l'organizzazione e la lotta dei migranti". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Spagna: a Madrid le celebrazioni per i dieci anni di regno di Felipe VI

Belgio-Israele non si giocherà a Bruxelles: "Rischi per la sicurezza"

Russia e Corea del Nord rafforzano la cooperazione, non solo militare