EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Caso camici: giudici, 'nessun accordo tra Fontana e cognato'

Motivi della conferma dei proscioglimenti: "Procedure regolari"
Motivi della conferma dei proscioglimenti: "Procedure regolari"
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - MILANO, 09 OTT - Anche se "si volesse ipotizzare un interessamento di Fontana e quindi un trattamento di favore per l'impresa gestita dal cognato, la regolarità della procedura di scelta del contraente e della conclusione del contratto, elimina ogni residuo dubbio in merito". E agli atti "non si rinviene la prova del contestato preventivo accordo" tra Attilio Fontana e Andrea Dini "avente ad oggetto le sorti e le modalità della fornitura". Lo scrive la Corte d'Appello di Milano nelle motivazioni della sentenza con cui, il 10 luglio, ha confermato i proscioglimenti, con la formula "perché il fatto non sussiste", per il Governatore lombardo e altri quattro indagati, tra cui il cognato Dini, per la vicenda, che tante polemiche politiche aveva suscitato, di una fornitura di camici e altri dispositivi di protezione, all'epoca della prima ondata Covid, poi trasformata in donazione. Un caso che, con la conferma della Corte (Manzi-Buonamici-Siclari) del verdetto "di non luogo a procedere" del gup Chiara Valori in udienza preliminare, si è chiuso definitivamente dopo oltre 3 anni. Non vi è "prova alcuna", evidenziano i giudici, che Fontana, difeso dai legali Jacopo Pensa e Federico Papa, "fosse stato messo a conoscenza del fatto che Dama spa", società del cognato, "aveva concluso un contratto di fornitura onerosa con Aria spa (e quindi con Regione Lombardia)". L'intervento, "successivo, di Fontana", si legge ancora, "ha indotto Dini, dopo una prima consegna di merce, a trasformare la fornitura onerosa in donazione". E quella "novazione contrattuale", come aveva già scritto il gup, fu "operata in chiaro" e "non simulata". Assolti dall'accusa di frode in pubbliche forniture, assieme a Fontana e Dini, difeso dagli avvocati Giuseppe Iannaccone, Riccardo Lugaro e Caterina Fatta, anche Filippo Bongiovanni e Carmen Schweigl, ex dg e dirigente di Aria, difesi dal legale Domenico Aiello, e il vicesegretario generale di Regione Lombardia, Pier Attilio Superti, assistito dai legali Pietro Gabriele Roveda e Gianluigi Bonifati. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Le notizie del giorno | 17 giugno - Pomeridiane

La Cina donerà due panda all'Australia: l'annuncio di Li Qiang in visita allo zoo di Adelaide

Grecia: tre turisti scomparsi trovati morti in una sola settimana sulle isole greche