EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Niente più 5 mila euro per chi ritrova il gatto di Frassica

'Troppa confusione, serve calma' spiega la moglie
'Troppa confusione, serve calma' spiega la moglie
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - SPOLETO (PERUGIA), 03 OTT - Niente più ricompensa di 5 mila euro per chi dovesse ritrovare Hiro, il gatto di Nino Frassica e della sua famiglia scomparso da circa una settimana a Spoleto dove l'attore si trova per le riprese di don Matteo. "Troppa gente in giro e così si rischia solo di farlo spaventare mentre invece ci vuole tranquillità e il modo giusto per avvicinarlo. Quindi abbiamo deciso di toglierla" ha spiegato all'ANSA Barbara Exignotis, la moglie di Frassica. L'attore aveva annunciato la sparizione dell'animale su Instagram, promettendo la cospicua ricompensa. Si era così mobilitato il mondo dei social. In tanti sono poi arrivati a Spoleto in questi giorni per cercare Hiro, con anche droni e un cane molecolare. Il gatto, razza sacro della Birmania, dal lungo e folto pelo bianco, è però sfuggito a ogni tentativo di individuarlo. "La città è invasa di croccantini - ha detto Exignotis - ma di gatti in giro non se ne vedono più. Vuol dire che la confusione li sta spaventando tutti. Così è inutile. Anche perché poi se anche Hiro dovesse uscire da dove è nascosto non si farebbe prendere". La moglie di Frassica non ha comunque dubbi che il gatto sia ancora vivo. "E' vivissimo - ha assicurato - e sono certa che è con gli altri gatti. Il cane molecolare di un volontario ha ricostruito i suoi ultimi spostamenti. Speriamo che torni a casa al più presto". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Netanyahu al Congresso Usa: "Guerra a Hamas fino alla vittoria totale"

Fao, "733 milioni di persone hanno sofferto la fame nel 2023"

Hubert Védrine: "Le democrazie rappresentative sono in crisi"