EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Caldo anomalo su tutto il Paese, l'ottobrata romana è italiana

Nei prossimi 10 giorni previsti picchi di 30-33°C
Nei prossimi 10 giorni previsti picchi di 30-33°C
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ROMA, 03 OTT - L'Ottobrata romana si estende a tutto il nostro Paese, dalle Alpi alla Sicilia: non fa caldo solo dal Lazio in giù, ma si registrano picchi estivi anche in Pianura Padana e soprattutto sulla Toscana, regione più calda dell'ultimo periodo. E' quanto afferma Lorenzo Tedici, meteorologo del sito www.iLMeteo.it sottolineando che "anche nei prossimi 10 giorni vivremo una situazione anomala con picchi di 30-33°C ovunque da Nord a Sud". Per oggi e domani è comunque prevista qualche nuvola in più sulla Liguria e sul Triveneto con qualche rovescio a ridosso delle Alpi orientali. Da giovedì l'anticiclone tornerà ancora più prepotente con nuovi picchi di temperatura. Nel dettaglio - Martedì 3. Al nord: soleggiato salvo addensamenti su Liguria e Triveneto, dalla sera piovaschi sui rilievi del Nord-Est. Al centro: sole e caldo estivo. Al sud: sole e caldo estivo. - Mercoledì 4. Al nord: instabile sul Triveneto con alcune piogge o temporali, tante nubi altrove. Al centro: bel tempo prevalente. Al sud: tutto sole e caldo estivo. - Giovedì 5. Al nord: cielo a tratti nuvoloso. Al centro: bel tempo prevalente e caldo estivo. Al sud: tutto sole e caldo estivo. Tendenza: ulteriore aumento della pressione su tutto il territorio nazionale, bel tempo prevalente e temperature di 7-8 gradi oltre la media del periodo. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Netanyahu al Congresso Usa: "Guerra a Hamas fino alla vittoria totale"

Fao, "733 milioni di persone hanno sofferto la fame nel 2023"

Hubert Védrine: "Le democrazie rappresentative sono in crisi"