Sindaco di Gradisca, il Cpr è una bomba pronta a scoppiare

Tomasinsig: Non risolvono problemi, risultati rimpatri irrisori
Tomasinsig: Non risolvono problemi, risultati rimpatri irrisori
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - GRADISCA D'ISONZO, 02 OTT - "Il Cpr è una bomba pronta a scoppiare in ogni momento, anche per il livello di violenza che si genera all'interno, per la carenza di regole specifiche per chi gestisce le strutture". Lo ha detto Linda Tomasinsig, sindaco di Gradisca d'Isonzo, il paese in provincia di Gorizia dove c'è da anni un Cpr che ospita un centinaio di persone, accanto a un centro di accoglienza, che dà ricovero ad altri 600 migranti. "Tutto questo per rimpatriare, da tutta Italia, poco più di 3mila persone nel 2022: risultato irrisorio che deriva da costi economici, sociali e umani altissimi". "Il governo - aggiunge - ha proposto una misura bandiera". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

La preoccupazione dei palestinesi d'Europa, senza notizie dei loro cari a Gaza

Stallo negli Usa sui fondi per l'Ucraina, "Biden si occupi prima dei migranti dal Messico"

Dal kibbutz di frontiera: "Israele non è forza occupante, dobbiamo vivere insieme"