EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Milano ricorda le vittime della strage di Lampedusa

Installazione artistica alla Darsena per il decennale
Installazione artistica alla Darsena per il decennale
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - MILANO, 02 OTT - Milano ricorda la strage di Lampedusa e commemora la Giornata nazionale in memoria delle vittime dell'immigrazione con una istallazione artistica alla Darsena. Si tratta di una barca ribaltata, su cui campeggia una scritta bianca su sfondo azzurro: "Strage di Lampedusa 3 ottobre 2013. Il Municipio 6 commemora le 368 vittime". L'imbarcazione è infatti circondata da 368 crisantemi, uno per ogni vittima del naufragio, e numerose braccia di adulti e bambini che si alzano disperate verso il cielo. L'opera d'arte è stata prodotta e realizzata dalla società Kineticvibe con il contributo dell'artista Emiliano Rubinacci, dell'art director Beppe Treccia Iavicoli, il designer Matteo Rossi e il contributo di Giuseppe Gep Caserta. "Le braccia che affiorano dall'acqua - ha scritto su Facebook Santo Minniti, presidente del Municipio 6 - danno un messaggio crudo ma vero. Una scena che siamo tristemente abituati a vedere nelle immagini che arrivano dal Mediterraneo e che ci trasmette un dovere: tendere la mano. Perché le braccia che affiorano dall'acqua sono persone che lottano per la propria vita, uomini, donne e bambini che l'indifferenza e le misure ideologiche contro i salvataggi in mare rischiano di trasformare in corpi morti, a riempire quell'enorme cimitero che è ormai il Mar Mediterraneo". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Elezioni in Francia, lo scenario di un governo di minoranza del Rassemblement National

Le notizie del giorno | 24 giugno - Serale

Aborto, le donne brasiliane scendono in strada contro proposta di legge "criminalizzante"