EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Il primo dirottatore della storia torna a Avellino, ho sbagliato

Minichiello ha 74 anni, nel 69 la sua 'impresa' dagli Usa a Roma
Minichiello ha 74 anni, nel 69 la sua 'impresa' dagli Usa a Roma
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - AVELLINO, 01 OTT - E' stato il primo dirottatore transoceanico della storia. Partito da Melito Irpino, in provincia di Avellino, quando aveva 14 anni, Raffaele 'Ralph' Minichiello si è trasferito negli Usa, a Seattle, e si è arruolato nei marines. Ha combattuto in Vietnam ma a un certo punto si è sentito tradito e maltrattato dall'esercito americano. E ha deciso di fargliela pagare. Come? Dirottando un aereo. E così, il 28 ottobre 1969 sale a bordo del Boeing 707 della Twa Los Angeles-San Francisco insieme ad altri 80 passeggeri e con un mitra a canna corta Plainfield e 350 proiettili nascosti nel borsone. Fu il più lungo dirottamento dell'aviazione civile che si concluse a Roma, senza sparare un colpo (tranne uno, partito per sbaglio). In realtà la sua è stata un'azione solo dimostrativa, non ha torto un capello a nessuno e alla fine la pena è stata leggera: in compenso, Minichiello è diventato un personaggio famoso. Ora ha 74 anni, spesso torna in Italia e ogni tanto nel suo paese natale a 50 chilometri da Avellino: l'ultima volta, di recente, il sindaco Michele Spinazzola gli ha conferito un riconoscimento. Il marines Minichello, a chi gli chiede della guerra in Ucraina, dice oggi che "tutte le guerre sono sporche. E inutili. La guerra è fatica, sangue, dolore, spegne le vite e distrugge quelle che sopravvivono". Riguardo al dirottamento ammette: "Ho sbagliato, è stato un comportamento criminale ed esagerato. Ho difeso i miei diritti nel peggiore dei modi. Non è una giustificazione, ma forse mi ha segnato il fatto di aver dovuto sempre combattere per sopravvivere". Uno dei suoi crucci è quello di essere ancora nella black list degli aeroporti italiani: "Sono sottoposto a ore di attesa prima di imbarcarmi o scendere a terra. Con il risultato di perdere gli aerei e spesso anche i bagagli. Credo che dovrò rivolgermi alla Corte europea per i diritti dell'uomo". Ma ora "basta aerei, la mia vera passione è guidare i trattori", magari qui, ad Avellino. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Guerra a Gaza: 8 soldati Idf morti nell'esplosione di un blindato, strutture sanitarie al collasso

Guerra a Gaza: colloqui in stallo, "catastrofe igienico-sanitaria"

Germania-Scozia 5 a 1, i padroni di casa vincono il match di apertura degli Europei Uefa 2024