Migranti: progetto Slow Food per minori non accompagnati

Festival Venti Mediterranei ad Agrigento fino a domenica
Festival Venti Mediterranei ad Agrigento fino a domenica
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - PALERMO, 29 SET - Ascoltare, accogliere e favorire l'inclusione e la socialità dei giovani migranti che arrivano in Italia per fuggire da condizioni non solo disumane, ma che molto spesso mettono a rischio la loro stessa vita. È questo il messaggio che parte da Agrigento dove da oggi a domenica 1 ottobre si terrà Venti Mediterranei, una tre giorni che ha per protagonisti proprio un gruppo di minori stranieri non accompagnati. Sono le storie di speranza e di riscatto di 15 giovani coinvolti in Youth&Food - Il cibo veicolo di inclusione, il progetto di Slow Food selezionato da Con i Bambini nell'ambito del Fondo per il Contrasto della Povertà Educativa Minorile. "La millenaria cultura mediterranea si fonda sullo scambio e sull'incontro e la nostra azione politica crede nel cibo come potente strumento di dialogo - dichiara Barbara Nappini, presidente di Slow Food Italia - . Attraverso il cibo quindi promuoviamo i valori dell'accoglienza e della solidarietà tra gli esseri umani, sostenendo i minori stranieri non accompagnati in un percorso di conoscenza che li faccia sentire al sicuro e che dia loro prospettiva di vita". "In un momento in cui si vorrebbe incrementare la vulnerabilità dei minori stranieri non accompagnati, stiamo provando a dare un'opportunità di riscatto per un futuro dignitoso per questi ragazzi che arrivano nel nostro Paese. Consentire loro di avere una vita più serena per loro stessi e per le famiglie che stanno lasciando a casa" commenta Carmelo Roccaro della cooperativa sociale Al Kharub, tra i partner del progetto ad Agrigento e tra gli organizzatori del festival. In programma ci sono incontri, laboratori, cene e momenti musicali. Sono le farine, i pani del mediterraneo che uniscono il filo conduttore degli appuntamenti di Agrigento, grazie alla rete Slow Grains e Slow Food Sicilia, coinvolgendo chi lavora le farine per realizzare pane e pasta, gli agricoltori che custodiscono i semi e producono in modo sostenibile e coloro che scelgono di far vivere la biodiversità locale. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Gaza: Israele accetta la proposta per il cessate il fuoco, "ora spetta ad Hamas"

Mar Rosso: affonda la Rubymar attaccata dagli Houthi

Roma, il cancelliere tedesco Scholz a colloquio privato con Papa Francesco