EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Omicidio Maltesi, per procuratore su ergastolo parlano i fatti

'Ci furono crudeltà, efferatezza e premeditazione'
'Ci furono crudeltà, efferatezza e premeditazione'
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - MILANO, 28 SET - "Ciò che avevamo da dire lo abbiamo scritto nel ricorso in appello appena depositato. A nostro parere ci furono crudeltà, efferatezza e premeditazione. Chiediamo l'ergastolo. Riteniamo che quella sia la pena adeguata: parlano i fatti". A spiegarlo è il procuratore di Busto Arsizio, Carlo Nocerino, dopo aver presentato ricorso in appello contro la condanna a 30 anni di Davide Fontana per l'omicidio della 26enne Carol Maltesi. Il cardine dell'impugnazione verte sul riconoscimento delle tre aggravanti escluse in primo grado, in particolare quelle della crudeltà e della premeditazione. La vittima fu presa a martellate, sgozzata e il suo corpo fatto a pezzi e tenuto per quasi due mesi in un congelatore. Solo a fine marzo dell'anno scorso l'omicida si liberò dei resti della vittima gettandoli in una discarica a cielo aperto nel bresciano. Il bancario confessò l'omicidio poco dopo. I famigliari della 26enne si erano detti offesi dalla prima condanna a 30 anni pronunciata dalla Corte d'Assise presieduta da Giuseppe Fazio chiedendo giustizia. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Attentato a Donald Trump: le reazioni della politica internazionale

Attacco al campo di al-Mawasi, Netanyahu: "Non c'è certezza su morte di Deif"

Stati Uniti: Donald Trump ferito durante un attentato in Pennsylvania, ucciso l'aggressore