Per le Quattro Giornate di Napoli compare gigantografia in città

L'iniziativa è della Rete antifascista napoletana
L'iniziativa è della Rete antifascista napoletana
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - NAPOLI, 27 SET - "È comparsa nel cuore della notte in via Foria, a Napoli, a pochi passi dalla storica sede del Movimento Sociale Italiano prima e di CasaPound Italia poi la gigantografia celebrativa delle Quattro Giornate di Napoli, di cui ricorre da oggi l'ottantesimo anniversario. Sulla gigantografia compare la scritta 'Ieri partigiani - oggi antifascisti'''. A rivendicare l'iniziativa la Rete antifascista napoletana. "Un'iniziativa - si spiega - messa in campo da antifasciste e antifascisti napoletani, da chi evidentemente ha voluto rimarcare l'importanza di quelle giornate che segnarono appunto la prima liberazione di una città italiana dall'occupazione nazifascista, prima ancora dell'arrivo dei comandi alleati. Un'iniziativa, quella della scorsa notte che voleva senz'altro lanciare un chiaro messaggio di opposizione non solo alle reminescenze del Fascismo italiano ma anche a tutti i Fascismi che costellano l'Occidente ed il mondo in questo momento storico". La fotografia affissa ripercorre momenti cruciali delle giornate "che videro il popolo partenopeo armarsi e cacciare l'invasore tedesco a seguito dell'armistizio di quell'otto settembre del 1943 che diede vita alla Repubblica Sociale Italiana e contestualmente ad alcuni dei più grandi massacri voluti dai nazisti in ritirata durante la seconda metà del conflitto mondiale". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ungheria, opposizione ancora in piazza a Budapest contro Orbán

San Paolo, bagno di folla per Jair Bolsonaro: l'ex presidente respinge le accuse di golpe

Difesa: al via l'esercitazione Nato Dynamic Manta, sette sommergibili nel Mediterraneo